Rolex Cellini – un italiano dalla Svizzera si rende raro

Rolex Cellini – un italiano dalla Svizzera si rende raro

Orologi di lusso di grandi marche uomo e donna
Clicca per votare questo articolo!
[Voti: Media: ]

È spesso sottovalutato e, a causa del suo aspetto atipico Rolex, non è immediatamente riconosciuto come un modello del marchio: il Rolex Cellini prende il nome dall’artista rinascimentale italiano.
Il modello sembra sentirsi a casa in Bella Italia: se guardi gli italiani che si recano quotidianamente al bar, puoi vedere un Cellini al polso più spesso che in molti altri paesi europei o in climi internazionali.
Non è quindi un caso che il Rolex Cellini sia anche chiamato “l’orologio degli italiani”. Ed è una figura altrettanto eccezionale quanto l’orafo e scultore fiorentino da cui è stato intitolato. Ti presenteremo brevemente i modelli Rolex Cellini e anche l’artista che ha ispirato il produttore di orologi svizzero a creare questo modello.

La collezione comprende diversi modelli, ognuno dei quali ha il proprio numero di riferimento.

Il primo Rolex “Prince” è stato presentato nel 1928: la forma rettangolare e allungata della cassa con un secondo indicatore dell’ora per i secondi sotto è atipica per Rolex. Il Rolex Prince è anche il modello più famoso della serie Cellini. Il Prince ha un movimento meccanico di manifattura a carica manuale appositamente sviluppato e prodotto da Rolex – il calibro 7040. Grazie alla sua forma rettangolare, si adatta perfettamente allo spazio disponibile nella cassa. Il decoro dei ponti si riflette sul quadrante. A causa della sua “pulizia”, ​​il Principe ricevette rapidamente soprannomi come “Medico o guardiano dell’infermiera”.

Il modello originale, prodotto fino alla fine degli anni ’40, era considerato sinonimo di precisione ed eleganza. È stato il primo orologio prodotto in grandi numeri a ricevere un certificato di cronometro.
Il Rolex Prince si è assicurato un posto nella storia dell’orologeria grazie alla sua precisione. Con la sua forma rettangolare d’avanguardia e il suo movimento eccezionalmente preciso, il Prince era ed è un orologio eccezionale.

Si distingue tra i seguenti modelli:

principe classico
Principe Brancard
Principe ferroviario (acciaio inossidabile)
Custodia a forma di cuneo
Quadrante personalizzato ¼ Century Clubs

Rolex Cellini Quarzo

I modelli Rolex Cellini Quartz da donna e da uomo hanno tutti il ​​vetro zaffiro e sono disponibili in tre taglie, una da uomo (Ref. 6623/8), una media (Ref. 6622/8) e una da donna (Ref. 6621/ 8 ) – con cinturino alla milanese sotto il riferimento del cinturino nonché con cinturino in pelle e fibbia pieghevole Rolex. Nonostante le uniche tre dimensioni di cassa, ci sono un totale di 4 numeri di riferimento per ogni versione di cinturino in oro, poiché i cinturini per la misura media sono disponibili in due diverse lunghezze.

Vedi:   Gli orologi vintage sono trendy

Il Rolex Cellini Cellissima, invece, è una collezione da donna di quarzo puro ed elegante realizzata in oro bianco, eventualmente abbinato a diamanti. I modelli sono disponibili in forma rotonda o rettangolare, la cosiddetta forma tonneau, molto elegante e femminile, coccolosa. Per entrambi i modelli è disponibile un cinturino in oro bianco o in pelle.

Il Rolex Cellini Danaos ha un aspetto lussuoso ed elegante, come tutti i modelli Cellini, ma è molto sottile rispetto agli altri e disponibile solo con cinturino in pelle. Un orologio da uomo semplice e classico in diverse versioni ma sempre con vetro zaffiro.

Come piace a te: anche il Rolex Cellini Cestelleo ha molte facce. I modelli da donna e da uomo sono disponibili opzionalmente con cinturino in metallo e pelle, senza datario, con indici in diamanti e quadrante in madreperla.

Ma chi era l’artista italiano che ha ispirato il marchio di orologi svizzero Rolex a creare una tale serie di modelli?

Benvenuto Cellini – genio e talento

Sebbene il Rolex Cellini non sia riconosciuto da molti come un “vero” Rolex, è un modello del produttore di orologi di lusso tanto quanto i suoi famosi fratelli Daytona, Submariner o Explorer. La grande differenza, tuttavia, è che il Rolex Cellini è stato sviluppato e progettato per i clienti che si dedicano alle vere arti. La collezione Rolex Cellini è stata lanciata in onore dello scultore e orafo Benvenuto Cellini. Entrambi hanno in comune il fatto di essere altrettanto spesso sottovalutati e poi, dopo la scoperta della loro bellezza artistica, sono amati con fervore – da uomini e donne.

Benvenuto Cellini dedicò la sua vita all’oreficeria con tremenda passione. Sebbene possa aver contribuito molto a coltivare e diffondere la propria fama, quest’ultima si basa soprattutto sulla sua straordinaria abilità e capacità tecnica. Migliorò i metodi di inseguimento e fusione dei metalli, nonché l’incastonatura delle pietre preziose. Incastonare gioielli preziosi, lavorare la filigrana, inseguire nell’oro zecchino, sfruttò tutte le possibilità della sua professione con un talento e una precisione che lo resero presto famoso a Roma e in tutta Italia.

Cellini era considerato un uomo strano, un artista, e quindi rimarrà sempre una delle figure più notevoli e allo stesso tempo più strane del Rinascimento.

Firenze – città delle belle arti

Benvenuto CelliniBenvenuto Cellini nasce a Firenze nel 1500. Tre dei più grandi artisti di tutti i tempi vivevano già in Italia in questo periodo: Leonardo da Vinci, Michelangelo e Raffaello. A soli 19 anni il percorso di Cellini porta anche alla Roma. Lì ottenne il favore di Papa Clemente VII, per il quale cesello’ un bottone per cappotto sul quale era raffigurato il Santo Padre circondato da angeli e in trono su un possente diamante.
Durante l’assedio di Roma da parte dei Konnetabel von Bourbon, Cellini contribuì a difendere la città da Castel Sant’Angelo e si guadagnò così la reputazione di ottimo soldato. Quindi tornò nella sua città natale, Firenze, dove regnava la peste. La morte nera non poté però nuocere all’artista e poco tempo dopo Cellini tornò a Roma.

Avventure indescrivibili scandiscono le tappe della sua vita, anche in Francia. Accusato ingiustamente di furto, fu gettato in prigione e rilasciato solo sotto la protezione del re di Francia e del cardinale di Ferrara. Nel 1540 Cellini fu invitato a Parigi dal re Francesco I e vi soggiornò cinque anni, colmo di favori e di onori. Non ha paura di affrontare sculture monumentali. Ma l’inimicizia di influenti nobili e la rivalità con altri artisti lo costrinsero a tornare in Italia.

A Firenze trovò aiuto e sostegno dal duca Cosimo de Medici, per il quale disegnò, tra l’altro, la famosa statua in bronzo di Perseo. Poiché il duca sosteneva che un orafo non sarebbe stato in grado di mettere insieme le diverse parti di questo monumentale gruppo, il Cellini dovette ricorrere all’aiuto di un fonditore di campane. Tuttavia, si ammalò e lasciò la responsabilità del casting all’incantatore della campana – e il messaggio arrivò prontamente che tutto era fallito. Preso dalla rabbia e dalla disperazione, Cellini minacciò di uccidere chiunque gli avesse disobbedito. Accese un enorme fuoco con le sue cose per salvare il suo lavoro. Poi gettò tutti i suoi piatti di peltro nella pentola colata di metallo fuso. Questo gli ha permesso di rendere nuovamente liquido il bronzo e di versarlo nella forma corretta.

Sebbene la storia possa sembrare inverosimile, ha alimentato la fama dell’antico scultore italiano fino ad oggi. E non importa per quale modello batte il tuo cuore, un Rolex Cellini incarna il simbolo del lusso, della prosperità e della consapevolezza della moda con il suo stile unico e il design insolitamente puristico.
Un po’ di glamour e fantasia, artigianalità e qualità caratterizzano l’aspetto dei modelli Rolex Cellini – scoprili nel nostro negozio online www.watch.de.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.