Perle o diamanti |  rivista watch.de

Perle o diamanti | rivista watch.de

Orologi di lusso di grandi marche uomo e donna
Clicca per votare questo articolo!
[Voti: Media: ]

Brillano, brillano, brillano e mettono un sorriso sul volto di ogni donna. Diamanti. La loro grazia e bellezza sono incomparabili. Quasi nessun altro materiale ha un’attrazione così grande, quasi magica. Tuttavia, i diamanti non possono rivendicare per se stessi il primo posto tra i migliori materiali sulla terra. Le perle esercitano un altrettanto grande effetto ipnotico sullo spettatore e non sono in alcun modo inferiori alle pietre rare in termini di fascino e lucentezza.

Origine e storia

Ogni diamante è basato sul carbonio, che è stato pesantemente compresso e riscaldato nel corso di milioni di anni. Le pietre si formano a grandi profondità ea temperature ancora maggiori. Le condizioni ottimali per la formazione del diamante si trovano tra 150 e 660 chilometri sotto la superficie terrestre e tra 1200 e 1500 gradi Celsius. Diverse dimensioni, gradi di purezza e colori consentono di classificare i diamanti. Una dimensione minima delle pietre è essenziale per la lavorazione in tale. Le perle possono essere valutate anche utilizzando criteri su una scala che comprende, tra l’altro, il fattore dimensione. A differenza dei diamanti, le perle hanno un tempo di creazione relativamente breve di circa dieci anni.

Il percorso della perfezione totalizzante

Prima che un diamante trovi la sua destinazione finale sotto forma di un pezzo di gioielleria, deve prima subire una serie di fasi di lavorazione. Vengono rilasciati per ulteriori elaborazioni solo dopo che il più piccolo difetto di forma è stato rimosso. Le pietre si trovano tradizionalmente in forme come tetra, ottaedri e dodecaedri come diamanti grezzi. I diamanti sono disponibili in una varietà di colori e sfumature, tra cui giallo, marrone, rosso e blu. I colori si basano principalmente sull’incorporazione di elementi estranei come azoto o boro nel reticolo di carbonio del diamante.
I colori di base delle perle, invece, variano tra il rosa, il bianco e l’oro, oppure dal grigio al nero per le perle di Tahiti. Sono per lo più utilizzati in collane o bracciali. La lavorazione sotto forma di macinazione non è possibile con le perle, il che significa che durante la raccolta vengono selezionati i prodotti di qualità inferiore. Per questo motivo in particolare, è necessario prestare particolare attenzione alle opzioni limitate per i cambiamenti ottici, perché le perle non tollerano il calore, le liscivie o gli acidi.

Vedi:   Orologi con ore saltanti: per momenti speciali

Standard al limite del misurabile

La valutazione qualitativa di un diamante avviene con l’ausilio delle “4C”. Un diamante viene classificato in base al suo valore in base ai fattori “Carat Weight”, “Clarity”, Cut e Color.

  • Peso in carati
    Il carato è l’unità di peso standard per i diamanti. Più un diamante è pesante, più è prezioso. Un carato corrisponde esattamente a 0,2 grammi.
  • Chiarezza
    La purezza del carbonio compresso gioca un ruolo importante nella sua valutazione. A tal fine è stata definita una scala di valutazione separata all’interno del benchmark di qualità. Il miglior valore possibile è descritto come “impeccabile anche a 10 ingrandimenti (nessuna inclusione e nessun difetto esterno riconoscibile)”. In tali casi si parla di diamante perfetto in termini di purezza. Il contrario e quindi sinonimo di livello qualitativo più basso è indicato come “Inclusioni facilmente riconoscibili ad occhio nudo.
  • Taglio
    Il taglio di un diamante è essenzialmente ciò che ne definisce il carattere. Mentre alcuni tagli possono letteralmente dare vita al diamante e dare l’apparenza di scintille e fuoco che emergono dalla pietra, altri fanno l’esatto contrario. Portano via tutta l’energia vitale e lasciano dietro di sé solitudine e tristezza.
  • Colore
    Il valore della pietra aumenta o diminuisce a seconda del colore.
    I diamanti che appaiono incolori ad un occhio inesperto possono essere suddivisi in diverse classi di colore da uno specialista:

    Bianco finissimo + (River), designazione GIA: D
    Bianco finissimo (River), designazione GIA: E
    Fine white + (Top Wesselton), designazione GIA: F
    Fine bianco (Top Wesselton), designazione GIA: G
    Bianco (Wesselton), designazione GIA: H
    Bianco leggermente colorato + (Top Crystal), designazione GIA: I.
    Bianco leggermente colorato (Top Crystal), designazione GIA: J
    Colorato bianco + (Crystal), designazione GIA: K
    Bianco colorato (Crystal), designazione GIA: L
    Tinto 1 (Top Cape), designazione GIA: M, N
    Tinted 2 (Cape), designazione GIA: O

Vedi:   Orologi come investimento: un Rolex come valuta sostitutiva?

Anche le perle possono essere suddivisi in categorie per mezzo del colore, tra le altre cose. Tuttavia, lo spettro dei colori naturali che si può trovare qui è significativamente più piccolo, quindi l’aspetto del colore viene interpretato in modo diverso.

  • colore
    Il colore di una perla è composto da due componenti. Da un lato il colore del corpo, ovvero il colore di base della perla, così come il luccichio colorato che sembra fluttuare sopra la perla. Più il colore è puro e meno macchie o macchie ha, più è prezioso.
  • forma
    La gamma di diverse forme è ampia. Da rotondo, semitondo a ovale a forma di lacrima, tutto è rappresentato.
  • dimensione
    La classificazione in base alla dimensione è sempre basata sul diametro medio della perla.
  • lampadario
    La lucentezza perlescente della superficie è descritta come una lucentezza. Ciò è causato dalla rifrazione e dal riflesso della luce ed è considerato particolarmente impeccabile se il riflesso è uniforme e chiaro. Nel caso di perle della stessa dimensione, la lucentezza è generalmente utilizzata come criterio decisivo per la classificazione.
  • Qualità della superficie
    C’è una connessione diretta tra la lucentezza e la qualità della superficie. Una perla liscia e pura offre sempre una migliore riflessione della luce rispetto a una danneggiata da irregolarità, cicatrici o depressioni.

L’occhio di chi guarda

Thomas Edison una volta disse:

“Ci sono due cose che purtroppo non posso più inventare: queste sono perle e diamanti”.

Indipendentemente dal fatto che tu scelga la lucentezza delicatamente luccicante di una perla o l’aspetto sorprendente di un diamante. Sicuramente fai una scelta eccellente, la differenza tra le quali è probabilmente solo negli occhi di chi guarda.

Orecchini a bottone in oro bianco 18kt con diamante 0,52 ct Anello solitario artiglio incastonato in oro bianco 18kt e diamante 0,87 ct

Bracciale Perle di Tahiti 10.5mm Collana perle coltivate Akoya 7mm 14kt oro giallo / bianco

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.