Il movimento automatico: un’innovazione del XVIII secolo

Il movimento automatico: un’innovazione del XVIII secolo

Orologi di lusso di grandi marche uomo e donna
Clicca per votare questo articolo!
[Voti: Media: ]

L’innovativo meccanismo del movimento automatico è stato sviluppato quasi 150 anni fa. Anche se gli orologi da polso automatici sono molto popolari in questi giorni, non hanno preso piede fino agli anni ’60. Scopri tutto quello che c’è da sapere sulla storia di questa imponente innovazione, che ha conquistato il mercato con il Rolex Oyster Perpetual.

Dopo aver visto il Come funzionano gli orologi automatici sul nostro blog spiegato, ora ci stiamo dedicando alla loro storia. Caricare un orologio con una chiave è un processo che oggi difficilmente possiamo immaginare. L’orologio da polso a carica automatica come lo conosciamo oggi è ancora relativamente nuovo. Ecco le tappe fondamentali di questo percorso:

1775 – il primo modello

Anche se l’idea di un orologio automatico è forse molto più antica, il primo modello verificabile risale al 1775 dall’orologiaio svizzero Abraham-Louis Perrelet. Nel 1778, l’orologiaio di corte belga Hubert Sarton sviluppò anche un orologio da tasca con meccanismo di carica automatica, e solo pochi anni dopo l’orologiaio Abraham Louis Breguet. Sul mercato, però, questi modelli non hanno potuto prevalere sugli orologi a carica manuale attualmente diffusi. Gli orologi da tasca automatici molto più costosi inizialmente hanno avuto difficoltà rispetto alla semplice carica manuale.

1926 – Il primo orologio da polso con movimento automatico

Quasi mezzo secolo dopo, nel 1922, l’azienda francese Leroy creò il primo orologio da polso con movimento automatico, che era azionato da una massa oscillante a pendolo e poteva funzionare per un massimo di 12 ore. L’orologiaio britannico John Harwood dell’Isola di Man è conosciuto come l’inventore di questo orologio. Tuttavia, questo orologio non è stato venduto.

Vedi:   Orologi senza cifre e numeri per lui e per lei

L’idea da lui sviluppata portò a una domanda di brevetto in Svizzera nel 1923, che ricevette poco meno di un anno dopo. Nel 1926, Harwood, insieme ai produttori di orologi svizzeri Blancain e Fortis, lanciarono ciascuno un modello con meccanismo a carica automatica.

1931 – Il Rolex Oyster Perpetual

Il Rolex Oyster Perpetual del 1931 è considerato il primo orologio da polso automatico funzionale con un rotore che può essere caricato su un lato ed è stato un ulteriore sviluppo della tecnologia Harwood. Il principio alla base è venuto dall’orologiaio tedesco-britannico e fondatore di Rolex: Hans Wilsdorf. Nel 1932 è stato brevettato in tutto il mondo per l’azienda. Il famoso Rolex Oyster Perpetual potrebbe funzionare per ben 35 ore.

Rolex Oyster Perpetual con movimento automatico, prodotto nel 1968

Rolex Oyster Perpetual con movimento automatico, prodotto nel 1968

Fu solo con lo sviluppo del rotore perpetuo che gli orologi automatici furono resi adatti alle masse e sono ancora oggi al centro di ogni moderno orologio automatico.

Vedi:   Servizio unico + acquista orologi di lusso a rate

1942 – Il volano che agisce su entrambi i lati

Un’altra sensazione, anche se più piccola, è arrivata dalla manifattura svizzera Felsa. Nel 1942 lancia il primo calibro automatico con rotore a doppio effetto, il “Bidynator”. Così ogni movimento dell’orologio, non importa in quale direzione, potrebbe ora essere utilizzato per generare l’energia dell’ascensore.

1948 – Il rotore montato su cuscinetti a sfera

Eterna ha inventato il rotore con cuscinetti a sfera per la carica automatica nel 1948, lo sviluppo più importante nella storia della manifattura orologiera svizzera Eterna. Il riferimento a questa invenzione è visibile ancora oggi nel logo aziendale: cinque palline disposte a forma di fiore.

Cronografo Eterna Soleure, prodotto nel 2018

Cronografo Eterna Soleure, prodotto nel 2018

Come mostra la storia, i primi orologi automatici furono sviluppati già alla fine del XVIII secolo, ma il primo orologio da polso con movimento automatico fu realizzato solo 150 anni dopo. In Germania, i primi orologi automatici furono costruiti negli anni ’50 dai produttori Bifora, Durowe e Junghans.

Il principio alla base del movimento automatico mantiene ancora in funzione gli orologi automatici oggi. Tuttavia, la tecnologia si è evoluta e perfezionata. Questo Rolex Oyster Perpetual del 2019 ha ora un calibro con una riserva di carica di circa 48 ore.

Rolex Oyster Perpetual con movimento automatico, prodotto nel 2019

Rolex Oyster Perpetual con movimento automatico, prodotto nel 2019

Nel nostro negozio online su Watch.de e nel nostro negozio specializzato a Stoccarda-Mitte scoprirai una vasta selezione di orologi automatici.

Divertiti a navigare

Il tuo gioielliere Ralf Häffner & team

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.