Diamante: il materiale per orologi del futuro?

Diamante: il materiale per orologi del futuro?

Orologi di lusso di grandi marche uomo e donna
Clicca per votare questo articolo!
[Voti: Media: ]

Ottone, alpacca, oro: molti materiali diversi sono usati in orologeria, compreso il meno noto silicio. Negli ultimi anni il semimetallo è diventato un materiale popolare per i componenti degli orologi: è leggero, stabile e a basso attrito. L’usura è ridotta al minimo, in modo da poter eliminare completamente i lubrificanti. Tuttavia, il silicio non è affatto il culmine della storia dei materiali: gli scienziati stanno già lavorando allo sviluppo di materiali ancora migliori, più leggeri e più durevoli. Cosa potrebbe esserci di più naturale di uno dei materiali più resistenti – e più preziosi – sulla terra: il diamante.
Il diamante è il materiale più duro di sempre. Il suo nome deriva dalle parole greche “diaphainein” = “splendere” e “adámas” = “l’invincibile”. Inizialmente puro fascino per la natura, negli anni ’50 è stato possibile per la prima volta produrre diamanti sinteticamente ad alte temperature e con una pressione molto forte. Nel frattempo, sono stati sviluppati altri processi per creare diamanti artificiali, inclusa la deposizione chimica da vapore (CVD), scoperta negli anni ’80.

Componenti per orologi con diamanti? La scienza lo rende possibile!

First_diamond_gear_in_clockingLa Gesellschaft für Diamantprodukte (GFD), guidata dai ricercatori di Ulm Peter Gluche e André Flöter, utilizza questa tecnologia per modellare con precisione i movimenti di diamante più piccoli nella forma desiderata: nel 2002 è stato creato il primo scappamento a doppio diretto in diamante per l’orologio azienda Ulysse Nardin fatta * I vantaggi? Oltre alla sua durezza, il diamante è anche circa il 25% più leggero del titanio, che ha già un peso piuma speciale. Inoltre, non ci sono quasi perdite per attrito: se due superfici diamantate si incontrano, l’attrito, anche senza lubrificante, è solo il 20 percento di quello tra acciaio e rubino sintetico.
I vantaggi del materiale diamantato hanno ovviamente convinto anche Ulysse Nardin. Dopo le prime prove con l’oggetto di prova, l’azienda orologiera ha avviato una collaborazione a lungo termine con GFD: nel 2002, Ulysse Nardin ha dotato i primi orologi dei componenti esclusivi. La produzione in serie era ed è ancora lunga: nonostante tutti i suoi vantaggi, il diamante è ancora un materiale molto costoso.
Anche per questo motivo il primo segnatempo da banco con spirale di diamanti – il Freak Diamond Heart – era probabilmente limitato a soli 100 esemplari; un fatto che rende ancora più interessante il già desiderabile segnatempo. In effetti, l’orologio merita il nome di “freak” se si comprende l’astuta alterità che lo distingue da tutti gli altri orologi. Perché l’orologio con il cuore in diamante ribalta la sua parte più interna: la meccanica del movimento è visibile direttamente sul quadrante, così che quello quasi trasparenteDiamond_Gear_Hair La spirale diamantata può essere osservata durante il suo importante compito. Invece del solito display dell’ora con le lancette dal centro, Ulysse Nardin utilizza il doppio scappamento diretto per uno scopo diverso da quello previsto. Se indossi il Freak Diamond Heart al polso, puoi comodamente vedere il calibro UN-201 al lavoro, che è ciò che rende l’orologio così speciale. Naturalmente, il lancio dell’orologio speciale ha fatto scalpore. Nonostante il prezzo elevato, è andato esaurito poco dopo.

Vedi:   Le collezioni Rolex in sintesi su watch.de

Diamante – materiale superlativo

Ulysse_Nardin_Freak_Diamond_SilAl fine di utilizzare i vantaggi del diamante come materiale e allo stesso tempo ridurre i costi di produzione, gli sviluppatori hanno ovviamente studiato cosa sta succedendo nel frattempo. La soluzione è stata trovata rapidamente: hanno preso componenti realizzati con il silicio provato e testato e li hanno rivestiti con uno strato nanocristallino di diamante. La tecnologia DCS (Diamond Coated Silicon) è stata sviluppata dalla svizzera Sigatec SA di Sion in collaborazione con Ulm GFD e acquisita da Ulysse Nardin. Uno strato di cristalli di diamante dello spessore di un millesimo di millimetro è sufficiente per conferire ai componenti rivestiti le proprietà positive del diamante.
Il risultato è stato ancora una volta una serie limitata di orologi, ovvero il Freak DiamonSil. È stato introdotto nell’aprile 2007 come il primo orologio al mondo con componenti dello scappamento rivestiti di diamanti.
Molti anni di intenso lavoro di sviluppo sono alla base dell’acclamato metodo. Il processo di incisione a secco, utilizzato per rivestire il silicio con il diamante, è stato originariamente sviluppato negli anni ’90 dagli ingegneri della Robert Bosch GmbH e denominato Deep Reactive Ion Etching (DRIE). Tuttavia, la tecnologia di processo è estremamente complessa, costosa ed è suddivisa in numerose e diverse fasi di produzione. I prerequisiti sono la fase preliminare litografica, sistemi di attacco per la produzione delle parti in silicio e un reattore per la diamantatura. Ma cosa non fare per superfici lisce e a basso attrito che condividono le proprietà positive dei diamanti?
Ulysse_Nardin_Freak_Diamond_Sil_Dato l’elevato dispendio di tempo e denaro, tuttavia, probabilmente ci vorranno anni o addirittura decenni prima che il diamante si affermi come materiale negli orologi, se mai lo farà. Fino ad allora, continueremo a goderci la bellezza della “migliore amica della ragazza” – in realtà, la gemma desiderabile è comunque troppo bella per essere nascosta in un orologio. Su watch.de ci sono numerose possibilità di entrare in relazione con la più dura di tutte le pietre. Nel nostro configuratore di diamanti puoi ad es. B. Il gioiello che desideri, che si tratti di anello, ciondolo o orecchini a bottone, progettalo individualmente. Offriamo anche numerosi orologi con diamanti squisiti. Basta dare un’occhiata e vedere di persona, non vediamo l’ora della vostra visita!

Vedi:   Orologi con quadrante verde | Rivista Watch.de

* Il doppio scappamento diretto è stato sviluppato dal designer di orologi Ludwig Oechslin e introdotto nel 2001 in un orologio da Ulysse Nardin. È uno scappamento senza ancora con due ruote di scappamento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.