Cartier Solarbeat Tank Must: Recensione e opinioni

Cartier Solarbeat Tank Must: Recensione e opinioni

Marche
Clicca per votare questo articolo!
[Voti: Media: ]

Parlare, scrivere e recensire il Cartier Tank – praticamente qualsiasi modello della collezione – non è la cosa più facile al mondo perché dopo un centinaio di anni di Cartier Tank, non solo molto di ciò che si può dire, è stato detto, stai anche parlando di qualcosa che è tanto un’istituzione culturale quanto un orologio.

Ogni tanto c’è un evento nella vita di tali icone, che apre una finestra di opportunità per guardare ciò che sembrava irrimediabilmente fossilizzato in significato culturale, con occhi nuovi.

cartier solarbeat tank must

Nel caso del Cartier Tank, ciò è accaduto, quando Cartier ha introdotto il Cartier Tank SolarBeat. Non so cosa farà Cartier per i prossimi anni, ma di certo non mi aspettavo un orologio Tank a energia solare.

Ora, dopo oltre cento anni, il Tank è diventato non solo uno degli orologi più iconici di tutti i tempi, è anche diventato uno degli orologi più ammirato di tutti i tempi.

Mi chiedo spesso quante imitazioni ci siano state: devono essere circa un migliaio, e di quelle migliaia, moltissime sono state quarzo; alcuni di essi sono stati persino al quarzo a energia solare.

Recensione del Cartier Solarbeat Tank Must

Recensione del Cartier Solabeat Tank Must

Cartier ha realizzato molti orologi al quarzo, inclusi i Tank, ma per qualche motivo, non ho mai sospettato che potessero fare qualcosa di solare.

La mia prima reazione, se devo essere sincero, è stata di enorme curiosità. Cerco di mantenere le preferenze personali fuori dall’equazione quando scrivo di orologi. Tutte le critiche devono bilanciare i gusti personali con l’obiettività; adoro il Tank, quindi la mia prima reazione alla notizia e alle foto è stata di apprensione.

La storia del Cartier Tank fa parte dell’educazione di base di ogni appassionato di orologi. Louis Cartier, ha affermato che fù ispirato quando era in visita al fronte è gli venne l’idea per l’orologio Tank.

Il Tank è chiamato così perché sembra un carro armato, in particolare il Renault FT, che gli storici militari chiamano spesso il primo carro moderno.

Aveva una torretta completamente girevole e, su ciascun lato dello scafo, un’enorme serie di gradini a cingoli che sporgevano ben oltre la parte anteriore e posteriore del veicolo. Questi gradini diventerebbero l’ispirazione per ciascun lato dell’orologio Tank, che fungono da anse e che sono i punti di attacco per il cinturino.

Un prototipo del primo carro armato, The Normal, sarebbe stato dato al generale John “Black Jack” Pershing, che era il comandante delle forze americane in Europa durante la guerra.

C’è un’immagine esistente di Pershing che indossa quello che assomiglia molto a un Tenk, ma la storia rimane non verificata, sebbene sicuramente possibile.

Nel 1919, tuttavia, il Tank Normal fu commercializzato: si trattava di un ordine speciale e ne furono realizzati solo sei. E, nel 1921, fu venduta per la prima volta una versione del Tank con anse elegantemente arrotondate. Questo è l’orologio che divenne noto come Tank Louis Cartier.

Cartier Solare

Per la maggior parte della sua storia, il Tank è rimasto un orologio piuttosto esclusivo. Di norma, le tre boutique di Londra, New York e Parigi non li avevano in stock. Erano realizzati su ordinazione e fino al ritiro della famiglia dall’attività, i piccoli numeri di produzione erano la regola.

Negli anni ’70 tutto è cambiato con l’introduzione dei Must de Cartier Tank. Questo modello era un lusso democratico: il segnatempo era di alto design, basso costo e appeal di massa; un territorio completamente nuovo per Cartier. Faceva anche parte di una più ampia rivoluzione in atto nel settore del lusso, dove il prestigio e il successo del marchio iniziarono a passare in primo piano.

Il quarzo è stato una parte naturale di quella transizione: più facile da produrre rispetto ai movimenti meccanici, accurati e poco impegnativi da possedere; sono diventati parte non solo del vocabolario dell’orologeria di Cartier, ma dell’industria nel suo insieme e soprattutto per quello che veniva chiamato “vestire” gli orologi; erano un ottimo modo per i marchi di orologi di lusso non solo di rimanere in gioco, ma anche di mantenersi in salute.

Per anni gli orologi Must de Cartier sono stati più o meno ignorati dagli appassionati, ma sulla via dell’oscurità è successa una cosa divertente: sono diventati oggetti da collezione. Questo non è sfuggito all’attenzione di Cartier e la società ha deciso di celebrare il rinnovato interesse nei loro confronti rilasciando nuovi modelli Tank Must all’inizio del 2021. C’era una sfilza di nuovi modelli con i quadranti dai colori vivaci che erano la firma del Must originale de Cartier Tank, ma c’era anche qualcosa di inaspettato: il Tank SolarBeat.

Le caratteristiche del Cartier Tank Solarbeat

dimensioni Cartier Solabeat Tank Must

L’orologio è dotato di cassa in acciaio inossidabile ed è disponibile in due dimensioni, 33 mm x 25,5 mm per il modello grande (circa 2.800 euro) e 29,5 x 22 mm per il modello piccolo (circa 2.600 euro).

Cartier afferma che i proprietari possono aspettarsi, in media, un tempo di funzionamento di 16 anni prima che l’orologio richieda un servizio (presumo che sia il numero di anni in cui possiamo aspettarci che la cella di accumulo ricaricabile duri, poiché anche le batterie ricaricabili hanno un numero limitato di cicli di ricarica).

L’idea è non solo quella di rendere l’orologio elegante, senza problemi, da indossare ogni giorno, da indossare e dimenticare, ma anche di ridurne l’impatto ambientale e, in linea con questo tema, i cinturini – in nero, blu o verde chiaro – sono realizzati con pelle non animale, prodotta da scarti di mele coltivate per l’industria alimentare (in Svizzera, Italia e Germania).

La luce per il sistema di ricarica fotovoltaica raggiunge il movimento attraverso il quadrante, in particolare attraverso i numeri romani.

Cartier Solar, scopriamo il movimento

Cartier Solar

Il cuore del SolarBeat è un nuovo movimento al quarzo Cartier, alimentato dalla luce, che secondo Cartier dovrebbe funzionare per almeno 16 anni prima che la batteria ricaricabile debba essere sostituita. Le uniche parti del quadrante che lasciano passare la luce fino alla cella fotovoltaica sottostante sono i numeri.

Esteticamente, significa che hai un quadrante che è indistinguibile da un tradizionale quadrante Tank Louis Cartier, fino alla firma segreta.

I moderni movimenti solari possono sono molto efficienti, hanno fatto molta strada dalla prima generazione, negli anni ’70 (il primo orologio solare in assoluto è stato il Synchronar, che è stato lanciato sul mercato prima di quanto si possa pensare – 1972). Tuttavia, il fatto che la quantità di luce necessaria per caricare il movimento arrivi attraverso i numeri romani, significava che la loro area complessiva doveva essere sufficiente per far entrare una quantità sufficiente di luce nell’orologio.

Cartier Must Solabeat

Questo vincolo sulle proporzioni, è stato uno dei problemi più interessanti che hanno dovuto essere risolti durante la progettazione e lo sviluppo del SolarBeat Tank.

Il Cartier Tank SolarBeat sembra un Tank, si sente come un Tank e indossa come un Tank. In effetti, è praticamente identico a un Tank Louis Cartier d’oro quando lo indossi, a un livello che non mi aspettavo: la mia grande preoccupazione come fan di Tank era che si sarebbe sentito immediatamente come se Cartier stesse buttando giù la collezione, ma si è rivelato non essere questo il caso.

Il Tank SolarBeat è fondamentalmente una versione in acciaio a energia solare del Tank Louis Cartier; in effetti, se non sapessi in anticipo che si tratta di un SolarBeat, potreste facilmente scambiarlo per un Tank Louis Cartier meccanico in acciaio (che sarebbe una cosa bella da vedere di per sé).

Cartier Solabeat Tank Must al polso

Al polso, è un’esperienza praticamente indistinguibile dall’indossare un Tank Louis Cartier d’oro.

È molto facile da indossare e condivide la capacità del Tank LC di scomparire quasi al polso.

Ci sono ovviamente alcune differenze: il quadrante del SolarBeat è un po’ meno elaborato rispetto al Tank LC, ma la differenza è appena percettibile anche con i due orologi affiancati.

Cinturino Orologio Cartier Tank Must Solabeat

L’orologio è dotato di un cinturino in pelle non animale e ha una fibbia ad ardiglione standard.

È un po’ blasfemo da parte mia dirlo, dal momento che Cartier ha inventato la fibbia pieghevole (deployante), ma in questo caso preferisco la fibbia ad ardiglione: è sicura e discreta ed è una parte importante di ciò che rende il Tank Must SolarBeat così comodo da indossare.

È un orologio molto pratico ed elegante da indossare ogni giorno: non richiede nulla e dà tutto, o se non tutto, moltissimo. Con il SolarBeat si ottiene versatilità al massimo: senza la formalità e il senso di preziosità che si ottengono con un Tank Louis Cartier in oro o platino, sembra ancora di più un orologio da portare ovunque.

La concorrenza del Cartier Must SolarBeat

Orologio Cartier Tank Must Solabeat

Nessuno dei marchi di alta orologeria e di alto livello produce un orologio al quarzo solare (almeno non che io sappia). Penso che forse una parte della concorrenza più diretta provenga in realtà da Cartier stesso: i nuovi orologi al quarzo Must Tank con quadranti colorati sono un’alternativa, o se è per questo, un Must de Cartier Tank vintage.

Non so perché l’annuncio del SolarBeat Tank mi ha colto così di sorpresa. A posteriori, sembra perfettamente logico. Se hai intenzione di realizzare un Tank al quarzo, perché non farlo utilizzando la tecnologia più aggiornata possibile?

Penso che sia un grande sviluppo e un ulteriore passo nella direzione che Cartier ha stabilito per la prima volta con gli orologi Must de Cartier originali, negli anni ’70. Cartier è stata una delle aziende che ha stabilito la nozione di lusso classico nel XIX e all’inizio del XX secolo (e, sebbene la linea ufficiale dell’azienda sia che non si tratti di un orologiaio, ma piuttosto di un gioielliere che fa orologi, il fatto è che anche una percentuale importante dei modelli di orologi più memorabili e originali proviene da Cartier).

Gli orologi Must de Cartier possono essere visti da una serie di prospettive, ma per me hanno sempre, almeno in parte, dimostrato che mentre il lusso può essere lusso dei materiali, o artigianato, o esclusività (o tutti e tre), c’è anche il lusso del design, che non deve necessariamente essere definito dal costo.

Vedi:   Cartier Panthère - Recensione, prezzi e storia lunga 30 anni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.