Audemars Piguet – La realizzazione materiale della perfezione

Audemars Piguet – La realizzazione materiale della perfezione

Orologi di lusso di grandi marche uomo e donna
Clicca per votare questo articolo!
[Voti: Media: ]

Il numero di aziende in grado di produrre orologi nella categoria degli orologi di lusso è già molto ridotto. Ci sono pochissimi produttori di orologi di lusso le cui piccole opere d’arte hanno un prezzo nella fascia superiore a cinque cifre. Audemars Piguet è una di quelle aziende.

Jules-Louis Audemars iniziò a produrre orologi già nel 1875. All’inizio ricevette solo un aiuto occasionale dal suo amico d’infanzia Edward-Auguste Piguet, ma nel 1881 decisero di dedicare la loro vita all’orologeria e fondarono l’azienda Audemars Piguet & Cie.

Una salita senza pari

Negli anni che seguirono, l’azienda fece un’ascesa fulminea che l’industria dell’orologeria ha visto raramente. Inizialmente, si sono concentrati sulla costruzione di orologi da tasca altamente complicati e complessi. Solo un anno dopo riuscirono a includere un calendario perpetuo e una ripetizione minuti tra le caratteristiche dei loro modelli, che potevano essere offerti anche in versione cronografo. Ulteriori successi non tardarono ad arrivare. L’Esposizione mondiale del 1889 a Parigi è servita ai due fondatori come trampolino di lancio nel segmento degli orologi di lusso, poiché l’orologio da tasca “Grande Complication” ha vinto una medaglia in questa mostra.
Vincere un tale premio è quasi impossibile – si potrebbe pensare. Solo poco tempo dopo, Audemars Piguet riuscì a creare il movimento più piccolo al mondo con ripetizione minuti. Ma non è tutto. Nel 1891 svilupparono anche il primo orologio da polso con ripetizione minuti. Ispirati da questi successi e grazie al crescente successo finanziario, gli orologiai poterono permettersi di aprire filiali nelle metropoli dell’epoca. Londra, New York e Buenos Aires sono solo alcune di queste.

Vedi:   G-Shock MR-G Kachi-Iro

Audemars Piguet – ora disponibile anche come orologio da polso

Dopo la morte dei due fondatori dell’azienda, gli eredi hanno assunto la direzione dell’azienda nei primi anni ’20. Ciò ha spostato l’attenzione dell’azienda dai precedenti orologi da tasca verso orologi da polso di alta qualità. Nel disegnarli si sono ispirati alle tendenze della moda dell’epoca, plasmate da metalli e pietre preziose. L’eccezionalità della fucina di orologi fu evidente anche durante gli anni della guerra. La crisi economica mondiale ha superato l’azienda quasi senza lasciare traccia e anche durante la seconda guerra mondiale l’unico cambiamento è stato che il mercato americano è ormai sempre più servito.

Vedi:   Longines Dolce Vita - un simbolo di eleganza contemporanea

La denominazione – legende come modello

Il modello “Royal Oak” è oggi uno dei movimenti più conosciuti e ricercati dell’azienda. Si dice che il nome del modello risalga ad una quercia che si trova a Londra, più precisamente a Greenwich, e che si dice abbia offerto al re inglese Carlo II rifugio e protezione da Oliver Cromwell nel 1651. Lanciato per la prima volta nel 1972, il modello è ora disponibile in decine di versioni diverse. Ma per quanto i materiali differiscano l’uno dall’altro, hanno tutti una cosa in comune; massima qualità e lusso consumato.

Oggi Audemars Piguet non è solo uno dei top brand assoluti nel settore dell’orologeria, ma annovera tra i suoi clienti anche numerose celebrità. Muhammed Ali e Garry Kasparov sono solo due dei tanti importanti sostenitori del marchio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.